Articoli

Epilogo – Cronache di Bonensegna lo sfortunato XV

  di Fabio Andruccioli Bonensegna fece segno all’oste che capì senza aprir bocca. Si sedette a un tavolo, rollò la sigaretta e l’accese con la candela posta sul tavolo. Dopo pochi istanti apparve un contenitore di ceramica.…

Compimento - Cronache di Bonensegna lo sfortunato XIV

  di Fabio Andruccioli La stanza è buia, la notte ha raffreddato il deserto infinito intorno al Sepolcro. Il caminetto acceso trema di paura e vendetta. Bonensegna cammina lento, incurante del rumore degli stivali sul pavimento.…

L’Ultima Cena - Cronache di Bonensegna lo sfortunato XIII

  di Fabio Andruccioli Il piccolo fuoco da campo di Bonensegna era solo uno dei tanti. Intorno al Sepolcro, con le sue alte mura di mattoni, si era sviluppata una piccola cittadina nomade. C’era un mercato, alcune carrozze…

Mostri - Cronache di Bonensegna lo sfortunato XII

  di Fabio Andruccioli Bonensegna camminava, lo sguardo fisso davanti a sé. Le mani sporche di sangue e terra. Ci era voluta la notte intera per seppellire Emiliana, scavando nel fango con le unghie. La strada illuminata dall’alba…

Vieni oltre - Cronache di Bonensegna lo sfortunato XI

di Fabio Andruccioli “Emiliana, sei tu?” Bonensegna si alzò di scatto. Erano passate ore dalla scomparsa dei fuochi fatui della Piligrèna. Si sentiva a pezzi, ma con il passare dei minuti la preoccupazione per il mancato ritorno…

Schegge di Cristallo - Cronache di Bonensegna lo sfortunato X

di Fabio Andruccioli Il fuoco si spense improvvisamente. Neanche un lieve rossore di brace. Le nuvole seppellirono la luna e le stelle. Neanche il frinire delle cicale a rincuorare il povero Bonensegna. Poi vennero le lucine azzurre della…

Malassenzio - Cronache di Bonensegna lo sfortunato IX

di Fabio Andruccioli Emiliana, così si chiamava la cacciatrice di taglie, aveva lasciato Bonensegna solo, convinta che non se ne sarebbe andato. Il villaggio più vicino era a vista, sarebbe andata a fare provviste. Per un attimo l’uomo…

La Gran Cacata - Cronache di Bonensegna lo sfortunato III

di Fabio Andruccioli Il camino scoppiettava, unica fonte di luce nella locanda. I due uomini parlottavano tra loro degustando il fondino del loro vino di visciole. “Non so come abbiate fatto a tirarvi addosso le ire del Mzapégul.” L’anziano…