Un barbaro stupido è un barbaro morto.

Rambo-mitra

Rambo, esempio di barbaro moderno.

Me lo sono sempre chiesto, perché un barbaro dovrebbe essere stupido?
Tutti a dire che questi guerrieri delle terre selvagge sono tanto forti quanto idioti, che per loro conta solo essere grossi, incazzarsi e macellare tutto. Magari per alcuni di questi è vero, il fantasy ci regala un sacco di immagini di bisonti stupidi come ciocchi e forti come orsi. E in genere sono tutti tenuti legati belli stretti dai loro padroni, non tanto per controllarli, ma perché questi pezzi d’idioti sono a malapena in grado di badare a loro stessi!
Tipicamente, in effetti, l’eroe di turno rinuncia a soverchiare il bestione con la forza per rivoltarlo contro al suo padrone (un “Ehi, ti pare giusto che ti tenga al guinzaglio?” è più che sufficiente).
Ma perché, secondo voi, un barbaro dovrebbe essere stupido? Prima li ho definiti non a caso guerrieri delle terre selvagge. Se questi tipetti arrivano all’età adulta c’è un motivo abbastanza semplice… Ci sono riusciti.
Ormai siamo navigati e lo sappiamo, fuori dalle mura è terra di tagliagole quando tutto va bene, e quando va male ci sono draghi, mostri, fiere, malattie, bestie magiche, insomma, l’inferno! E QUESTI FOTTUTI BARBARI CI VIVONO IN MEZZO! Ora vi pare che a un intero clan di barbari possa venire in mente di caricare un drago o una specie di blob extraplanare pieno di tentacoli? Se qualcuno dirà di sì sono felice che non viva in quel mondo, non avrebbe possibilità di sopravvivenza. Il fatto è che, salvo rari casi, quasi nessuno ha possibilità di uscirne vivo anche solo contro a un paio d’orsi, figuriamoci un drago.
I barbari no, vivono in mezzo a tutta quella merda, in luoghi dove nemmeno il più addestrato sognerebbe di andare (voi ci vivreste in mezzo a una palude sperduta dove l’unico cibo siete voi e i lupi e il ruolo ce lo giochiamo ogni ora? E a parlare solo di lupi sono ottimista). Di conseguenza, non è possibile che i barbari siano dei bambinoni cerebrolesi che caricano con la stessa facilità con cui un colibrì batte le alì e- ops, scusate la poesia, a volte mi scappa quando mangio pesante.
A me piace dire che i nostri amici berserker hanno l’intelligenza di un predatore. Certo non saranno letterati e probabilmente saranno fuori posto in un ambiente “civilizzato”. Ma questi sopravvivono quotidianamente a cose per cui uno spesnatz chiederebbe pietà dopo un minuto scarso. Trappole, armi ad hoc, strategia, veleni e droghe naturali, mimetismo, furtività e caccia sono solo alcune delle arti barbariche.
Avete presente Rambo? Intellettualmente a me non pare certo Hawking, ma vi sentireste di dire che è stupido, con tutta la strategia che usa per compiere un massacro? Cazzo, John Rambo è un moderno barbaro col mitra.
Insomma, la mia posizione è questa: un barbaro che carica alla cieca sbavando è un barbaro morto…
Oppure è tenuto al guinzaglio da qualche tipo che ama giochi strani col latex.

Fate ammodino*,

Noccaghignante.

*Fate ammodino = “at modum facere” “fare a modo” “comportarsi bene” Modo labronico per raccomandarsi a figli e nipoti di ogni età.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *